ECONOMIA
Fonte: La Stampa

Tutte le novità previste dal decreto convertito in legge dalla Camera

Confermato il via alla seconda rata Imu 2013 con l’aumento delle aliquote per banche e assicurazioni, ma anche le norme sulle quote delle Banche nel capitale della Banca d’Italia fortemente contestati dalle opposizioni in aula.

Sono questi i principali contenuti del decreto Imu-Bankitalia convertito in legge sul filo di lama, grazie all’uso della «ghigliottina» decisa per evitare l’ostruzionismo dal presidente della Camera, Lauro Boldrini.

 

Ecco in breve le novità contenute nel decreto:

 

– IMU 2013 TUTTA CANCELLATA, RESTA MINI-IMU: Scompare anche la seconda rata Imu prima casa 2013 e con lei la `storia´ dell’imposta municipale che dal 2014 cambia nome e fisionomia. Viene confermata però anche la mini-Imu pagata la scorsa settimana, cioè la differenza tra quanto dovuto con l’aliquota base o con l’aliquota aumentata dal Comune.

 

– SALATI ACCONTI BANCHE-ASSICURAZIONI: Arriva una conferma anche per l’acconto Ires, salito al 128,5% per il periodo d’imposta 2013, per gli enti creditizi e finanziari, per la Banca d’Italia e per le società e gli enti che esercitano attività assicurativa. Quota che poi un decreto ministeriale, con un punto e mezzo in più, ha portato al 130%.

 

– ACCONTI PI SALATI ANCHE PER IMPRESE: Acconti Ires e Irap più salati anche per le imprese: per il 2013 sono arrivati al 102,5% mentre per l’anno d’imposta 2014 si torna al 101,5%.

 

– CLAUSOLA SALVAGUARDIA “PRIMA RATA” IMU: Scatta e si modifica la clausola posta a salvaguardia degli incassi, ottenuti in parte, previsti dalla sanatoria sui videopoker (600 mln di euro) e al maggior gettito Iva per il pagamento dei debiti pregressi delle P.a. (925 mln di euro).

 

– RISCHIO AUMENTO BENZINA MA DA 2015: Slitta al 2015 l’eventuale aumento delle accise sulla benzina.

 

– LA “NUOVA” BANKITALIA: Il Consiglio superiore della Banca d’Italia «valuterà la professionalità e la onorabilità dei soggetti entranti e delle relative compagini, con un diritto di veto». Il tetto delle quote passa dal 5% al 3% con un periodo transitorio che passa da 24 a 36 mesi. L’italianità è salvaguardata dall’obbligo di mantenere per i soci la sede legale in Italia. Perdendola bisognerà necessariamente vendere la propria quota di partecipazione. È poi fissata al 12% l’imposta sostitutiva sulle quote di Bankitalia.

 

– STRETTA SULLE DISMISSIONI: Ministero dell’Ambiente e ministero dei Beni culturali potranno dire la loro sulle dismissioni di immobili pubblici, individuando quelli di particolare interesse culturale o paesaggistico per i quali è considerato prioritario mantenere la proprietà dello Stato. Il tutto però senza compromettere gli introiti previsti dal piano di vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su