Niente scuole ma nemmeno niente voli.  Oggi, una fonte riferisce che oggi ad alcune delle donne che viaggiavano sole è stato dato il permesso di imbarcarsi su un volo di Ariana Airlines per la provincia occidentale di Herat, ma quando l’autorizzazione è arrivata avevano già perso il volo. Il presidente dell’aeroporto e il capo della polizia, entrambi talebani, hanno incontrato oggi funzionari delle compagnie aree. «Stanno provando a risolvere», spiega il funzionario. Ancora non è chiaro se i talebani forniranno esenteranno i voli dall’applicare l’ordine emesso alcuni mesi fa che richiedeva alle donne che viaggiano per oltre 72 chilometri di essere accompagnate da un parente uomo. Quest’ultimo attacco ai diritti delle donne in Afghanistan giunge pochi giorni dopo che il governo talebano è venuto meno alla promessa di consentire alle ragazze dopo la prima media di tornare a scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su