Donna Lavoro2
Fondo impresa femminile
Dal 7 giugno parte la seconda fase di domande del Fondo impresa femminile, l’incentivo del ministero dello Sviluppo economico che sostiene lo sviluppo delle imprese guidate da donne attraverso contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati. Per la prima fase, rivolta alle nuove imprese, l’intero stanziamento era stato esaurito in un giorno. Questa manche ora è rivolta alle imprese attive da più di 12 mesi. Per questa linea di intervento sono disponibili risorse complessive pari a 146,8 milioni di euro, di cui 121,2 milioni a valere su risorse Pnrr e 25,6 milioni di fondi stanziati dalla legge di bilancio 2021. È possibile ottenere un contributo di massimo 320 mila euro, da rimborsare in otto anni.

Come e quando fare domanda
A partire d alle ore 10 di martedì 7 giugno sarà aperto lo sportello online del Fondo impresa femminile per l’invio delle domande da parte di imprese attive da oltre 12 mesi. Sarà possibile inviare la domanda collegandosi all’indirizzo https://invioprogettisviluppo.invitalia.it/ che verrà attivato in concomitanza con l’apertura dello sportello. Per poter effettuare l’invio, bisogna digitare il «codice di predisposizione della domanda» generato dalla piattaforma di compilazione operativa dal 24 maggio. Lo sportello sarà aperto dalle ore 10 alle ore 17, dal lunedì al venerdì, fino a esaurimento fondi.

Cosa finanzia la seconda tranche
Le imprenditrici, che hanno un’attività operativa da più di 12 mesi, possono presentare progetti d’investimento fino a 400 mila euro per sviluppare nuove attività o per ampliare quelle esistenti. Il Fondo impresa femminile prevede un mix di contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero, con una copertura fino all’80% delle spese ammissibili, per un massimo di 320 mila euro, da rimborsare in otto anni. Per questa linea di intervento sono disponibili risorse complessive pari a 146,8 milioni di euro, di cui 121,2 milioni a valere su risorse Pnrr e 25,6 milioni di fondi stanziati dalla legge di Bilancio 2021.

Come funziona la piattaforma di compilazione
Per accedere alla piattaforma di compilazione della domanda, raggiungibile dalle ore 10 alle ore 17 dal lunedì al venerdì (esclusi i giorni festivi), serve l’ identità digitale (SPID, CNS, CIE), la firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata del legale rappresentante delle società. Le imprese straniere, non in possesso di un’identità digitale italiana, possono inviare la richiesta di accreditamento alla piattaforma tramite pec. In fase di compilazione, la piattaforma effettua alcuni controlli automatici con il registro delle imprese che consentono di aggiornare o rettificare rapidamente le informazioni per presentare la domanda in modo corretto. La compilazione, firmata digitalmente, si conclude con il rilascio del «codice di predisposizione della domanda», che serve per presentare la domanda. La compilazione è stata avviata il 24 maggio.

Chi può presentare la domanda
Possono presentare domanda di accesso ai contributi e finanziamenti del Fondo Impresa Femminile le cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne socie, le società di capitale con quote e componenti degli organi di amministrazione per almeno i due terzi di donne, le imprese individuali con titolare donna e lavoratrici autonome con partita Iva. La linea di intervento che parte dal 7 giugno è rivolta solo alle imprese attive da più di 12 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su