Elezioni comunali

Il 12 giugno sono chiamati al voto i cittadini di 978 Comuni: tra questi 26 capoluoghi di provincia, di cui 4 di Regione (Catanzaro, Genova, L’Aquila e Palermo). In queste città, assieme al referendum, si voterà in un solo giorno: dalle 7 alle 23. Nei casi in cui nessun candidato riuscirà a superare il 50% dei voti, il ballottaggio si terrà il 26 giugno.
Non si tratta di un test chiave, come l’ultimo di ottobre nelle grandi città (Milano, Bologna, Roma e Napoli), ma le ripercussioni politiche potrebbero essere importanti, in particolar modo per la leadership di Giuseppe Conte, specie nei casi in cui il Movimento si presenterà da solo.

VERONA
A Verona, la strategia unitaria del centrodestra è naufragata. L’uscente Federico Sboarina, dopo aver mollato la Lega per Fratelli d’Italia, è ugualmente sostenuto da entrambi. Forza Italia e Italia viva stanno invece con Flavio Tosi, già primo cittadino per 10 anni dal 2007 al 2017. Pd e M5S uniti sperano invece in un colpaccio con Damiano Tommasi, ex campione di Verona e Roma.

PARMA
A Parma, dopo 10 anni finisce l’era di Federico Pizzarotti, primo sindaco M5S che conquistò una città importante. Al trionfo seguì il divorzio dal Movimento. Oggi i grillini sono spariti da Parma. La sfida è a tre: Michele Guerra è il candidato del centrosinistra; Pietro Vignali, già primo cittadino dal 2007 al 2011 costretto a lasciare dopo essere stato arrestato (e poi scagionato), corre per Lega e Forza Italia. Mentre Fratelli d’Italia sostiene un candidato autonomo: Priamo Bocchi.

GENOVA
A Genova, il sindaco uscente Marco Bucci, sostenuto dal centrodestra unito e pure da Italia viva, dopo la ricostruzione del Ponte Morandi tenta il bis. Ariel Dello Strologo, avvocato e attuale presidente della Comunità ebraica, corre invece per il campo largo, appoggiato da Pd e M5S.

L’AQUILA
A L’Aquila, il testa a testa è tra l’uscente Pierluigi Biondi, appoggiato da tutto il centrodestra, e Stefania Pezzopane che corre per il “campo largo” di dem e Cinque stelle.

CATANZARO
A Catanzaro, il centrodestra corre di nuovo diviso. Giorgia Meloni non ha apprezzato il braccio di ferro degli alleati e ha messo in campo la senatrice Wanda Ferro. Lega e Forza Italia sostengono Valerio Donato, mentre Pd e Movimento sono al fianco di Nicola Fiorita.

PALERMO
A Palermo, la sfida è aperta tra i due schieramenti. Franco Miceli, presidente dell’Ordine nazionale degli architetti, è sostenuto da Pd e Movimento. Mentre Roberto Lagalla, già rettore dell’Università di Palermo, corre per tutto il centrodestra, che ha trovato un’intesa dopo un lungo braccio di ferro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su